Utilizzando il sito, accetti che questo possa impostare cookie per consentire una migliore navigazione

Ok
accetto

Privacy
policy

NEWS TECNOLOGIA #2

16/07/2013

 

Tetto a taglio termico ventilato (prevenzione anti-muffa) degli edifici Makos-Dielle in via Romagnosi a Cesano Maderno e in via Milano a Giussano

 

La progettazione e messa in opera di un edificio rappresenta un processo complesso e di lunga durata nell’ambito del quale le decisioni relative alla copertura (o più comunemente tetto) assumono un ruolo di primo piano in quanto ha la funzione di definire la parte superiore dell’edificio e di preservare l’ambiente interno dagli agenti atmosferici.

In particolare, lo scopo fondamentale della copertura è impedire l’insorgere di umidità, di opporre resistenza alle sollecitazioni date da neve e vento e diminuire la dispersione termica dell'edificio. Il manto di copertura, che è lo strato esterno delle coperture, garantisce la tenuta dell’acqua, mentre la struttura portante ha il compito di sostenere il manto.

Vista l’importanza della copertura all’interno del più generale progetto dell’edificio, per le nuove costruzioni di via Romagnosi a Cesano Maderno e di via Milano a Giussano i tecnici di Makos e Dielle Costruzioni hanno optato per un tetto ventilato, che costituisce la più avanzata tecnica di costruzione per tetti ad oggi.

Il tetto ventilato è una copertura che permette il deflusso dell’aria riscaldata, attraverso i moti convettivi che si formano, dalla linea di gronda a quella di colmo con conseguenti benefici: risparmio energetico e maggiore durata degli elementi sottostanti del tetto. D’estate, la copertura si riscalda trasmettendone il calore nella parte sottostante, dalle strutture portanti del tetto fino all’interno dell’abitazione: un tetto ventilato in legno, dove l’aria fresca che entra dalla linea di gronda, riscaldandosi per via dell’irraggiamento solare tende a salire con forza verso la linea di colmo e da qui fuoriuscirne, permette una ventilazione costante del tetto e mitiga di conseguenza la temperatura interna degli ambienti per un sano e confortevole benessere. In autunno e inverno, a causa delle basse temperature esterne possono formarsi fenomeni di condensa che alla lunga sono causa di muffe e gocciolamenti: con la ventilazione del tetto, la circolazione dell’aria permette che il manto isolante della copertura resti sempre asciutto e garantisce in tal modo una durata maggiore degli elementi costitutivi del tetto.

Di seguito vengono elencate le specifiche adottate per le coperture degli edifici di Cesano Maderno e Giussano:

- Struttura: Orditura primaria in travi lamellari di conifera europea 4 fili, piallati, orditura secondaria in travetti lamellari 4 fili, posti ad un interasse di cm 60, trattati con due mani di impregnante antimuffa, antitarlo e idrorepellente.

- Assito: Perline prima scelta maschiate, in abete da mm. 22, trattate con due mani di impregnante antimuffa, antitarlo e idrorepellente.

- Telo traspirante: Membrana in polipropilene impermeabile e traspirante “Tecnotex 5000” per barriere al vapore  e impermeabilizzazione provvisoria, la quale sarà posizionata sull’assito partendo dalla gronda verso il colmo del tetto, facendo in modo che il telo superiore sormonti di circa 10 cm. quello inferiore.

- Isolamento: Pannello di lana di roccia vulcanica legata con speciali resine termoindurenti, costituito da cellule aperte, con elevate caratteristiche di assorbimento acustico, certificato non combustibile in classe A1, spess. mm 50. L’applicazione dei pannelli di lana di roccia prevede un triplo strato di pannelli incrociati tra di loro per evitare ponti termici, così ottenendo uno sp. di mm 150 di densità nominale pari a 70 kg/m³.

- Plywood: Pannello multistrato fenolico (plywood) mm. 1,2X1200X2440 a chiusura dell’isolamento.

- Camera di ventilazione: Listoni in abete cm. 5X4X400 posizionati in senso perpendicolare alla linea di gronda (interasse cm. 61), sovrastante applicazione di pannello multistrato fenolico (plywood) e successivo posizionamento di rete parainsetti in acciaio a chiusura delle camere di ventilazione sia in entrata (linea di gronda) sia in uscita (linea di colmo); creando così una intercapedine fortemente ventilata.

- Copertura: Copertura con manto di tegole.

 

PER ULTERIORI INFORMAZIONI ED IMMAGINI SI RIMANDA AL FILE PDF ALLEGATO

Utilizzando il sito, accetti che questo possa impostare cookie per consentire una migliore navigazione